Il mio amico moccolo 

Autore: Gravidanza Amore Emozione
Un giorno Checco si svegliò e aveva tutto il naso chiuso,dal suo nasino scendevano continuamente gocce d acqua,lui chiese alla sua mamma come mai e cosa fosse questo raffreddore.

Il mio amico moccolo 

Un giorno Checco si svegliò e aveva tutto il naso chiuso,dal suo nasino scendevano continuamente gocce d acqua,lui chiese alla sua mamma come mai e cosa fosse questo raffreddore.

La mamma gli disse che era il moccolo al naso,e che per poter guarire doveva soffiare forte il nasino nel fazzoletto di carta,

perche il moccolo era come gli skifidol con cui giocava checco color verde e viscido e faceva davvero grrr schifo.

Checco provo piu forte a soffiare il nasino ma aimè non ci riusci e andò a letto sconfortato e di nuovo col nasino chiuso.

La mattina si sveglio arrabbiato e dato che non aveva dormito tutta la notte disse al suo papà:oggi la mia missione è eliminare questo moccolo skifidoso dal naso.

Prese un fazzoletto e si fece coraggio,riempi tutti i polmoni,chiuse la bocca e soffio con tutta la sua forza dal naso soffiando via tutti i germi,

il moccolo e quando finì disse mamma mamma ora respiro meglio,sono diventato grande,sono capace!!!

Da quel giorno checco soffio sempre il nasino da solo e mamma e papà erano più contenti perché tutto ciò che usciva dal nasino non poteva piu Non farlo dormire la notte ma bensì poteva guarirlo prima.

Quindi cari piccolini.fatevi insegnare a soffiare il nasino e mettetecela tutta cosi farete un bel dispetto al raffreddore e scaccerete il brutto moccolo!

 

Favola scritta e inventata da Veronica gavarini admin very

Condividi sui tuoi social la storia

0
1